Guida e gestione del cambiamento: 6 best practice per i manager

Pubblicato da: Domenico Malara aggiornato il 1 settembre 2022
Domenico Malara
Mi trovi su:

gestione del cambiamentoLa gestione del cambiamento ha assunto negli anni un’importanza sempre maggiore.
Il motivo è che le trasformazioni sono diventate una costante nel mondo del lavoro contemporaneo e le persone che si trovano a viverle senza una guida rischiano di sentirsi disorientate, con effetti anche piuttosto pericolosi per il benessere e la motivazione.

Cosa possono fare i leader e i manager per evitare che si crei un distacco tra l’organizzazione aziendale e i suoi collaboratori nelle fasi più critiche di una transizione? Continua a leggere per scoprire 6 best practice per ridurre al minimo i rischi di malumori, stress e paura dei cambiamenti.

6 best practice per la gestione del cambiamento

Un cambiamento in azienda può generare sensazioni di incertezza che rischiano di avere un impatto sul clima, innescando preoccupazione, ansia e frustrazione.

Ecco perché, oltre alla gestione del cambiamento, i leader e le figure manageriali hanno il compito di guidarlo, rappresentando un punto di riferimento per le proprie persone. In questo articolo trovi un approfondimento sulla differenza tra gestire e guidare il cambiamento organizzativo.

Iniziamo con il primo dei 6 suggerimenti!

1. Condivisione delle informazioni

A seconda della specifica situazione e delle esigenze delle persone, il leader alla guida del cambiamento dovrebbe definire le informazioni da condividere con il team e pianificare aggiornamenti regolari, per mantenere un canale di comunicazione sempre aperto ed efficace.

Se, come abbiamo visto in precedenza, l’incertezza è una condizione da evitare per affrontare con successo le trasformazioni, allora è giusto che i collaboratori abbiano a disposizione tutti i dati di cui hanno bisogno.

 

New Call-to-action

 

Occorre tuttavia prestare attenzione a non addentrarsi in dettagli superflui e a limitarsi alle informazioni, per non correre il rischio di alimentare voci o supposizioni errate. La comunicazione di obiettivi e timeline dovrà essere chiara e sostenibile, dimostrando sempre attenzione al morale e al coinvolgimento nel progetto di trasformazione.

2. Attenzione alle emozioni

Le sensazioni vissute dalle persone nelle diverse fasi del cambiamento possono variare, ad esempio a seconda delle esperienze, del carattere e della composizione del gruppo di lavoro.

L’empatia è la componente che risulta determinante nel fornire supporto ai collaboratori e nell’aiutarli a comprendere di non essere soli; attenzione però alla presunzione di sapere cosa stiano provando i singoli individui. Fare domande e restare in ascolto sono attività utili a mantenere aperto il canale di comunicazione e assicurarsi che i dubbi non restino troppo a lungo privi di soluzione.

3. Coinvolgimento delle persone

Invitare le proprie persone a contribuire alla risoluzione dei problemi è un ottimo mezzo per coinvolgerli nel processo di cambiamento, valorizzando le idee e le proposte di tutti.

Non basta porre domande e restare in ascolto delle risposte o degli eventuali dubbi dei collaboratori, dunque: è necessario mettere in pratica gli input e continuare a incoraggiare l’espressione delle opinioni e la condivisione delle buone pratiche.

Il coinvolgimento contribuisce a incrementare il senso di responsabilità nei confronti sia dei colleghi che dell’intera organizzazione, migliorando così la motivazione e la produttività, anche in contesti di cambiamento.

4. Rispetto della timeline e flessibilità

Seguire il progetto definito è uno dei capisaldi della gestione del cambiamento, ma è necessario introdurre una dose di flessibilità, l’elemento chiave per potersi adattare alle trasformazioni anche in corso d’opera e non essere sopraffatti dagli imprevisti.

 

Come fare?

 

Adottando (e allenando) il cosiddetto growth mindset, ovvero la mentalità di crescita, che di basa sul lifelong learning e sulla disponibilità a migliorarsi sempre cogliendo ogni nuova occasione di apprendimento.

Scopri i consigli per superare le sfide del Change Management. Clicca qui per scaricare la guida gratuita!

5. Riconoscimento dei traguardi raggiunti

Il successo di un cambiamento organizzativo dipende in larga misura dalla collaborazione tra le persone che, a sua volta, è alimentata dalla cultura aziendale.

gestione del cambiamentoAnche se il progetto di trasformazione prevede diversi mesi (o anni) di attività, è bene definire alcuni traguardi intermedi e celebrarne il raggiungimento, per guardare al successivo con la giusta motivazione mantenendo sempre alto il morale.

Al termine del processo, infine, l’organizzazione di sessioni di follow-up aiuta ad allenare l’adattabilità e la flessibilità, arricchendo il canale di comunicazione con la condivisione delle esperienze e delle opportunità di miglioramento.

Si apre così una nuova fase che – proprio come le precedenti – può avvalersi del supporto di una società di formazione o di un coach per consolidare le competenze acquisite o svilupparne di nuove. A questo aspetto dedichiamo l’ultima best practice sulla gestione del cambiamento!

6. Supporto di formatori e coach

A seconda della dimensione dell’organizzazione, della composizione dei gruppi di lavoro e dell’entità della trasformazione, l’efficacia del progetto di cambiamento può essere facilitata da un business coach o da un formatore aziendale specializzato.

L’obiettivo è rafforzare la collaborazione lavorando sulla comunicazione di obiettivi, attività e responsabilità, ma soprattutto coinvolgere ogni componente del gruppo di lavoro per fare sì che viva con entusiasmo e motivazione ogni fase del processo, colga tutte le opportunità di apprendimento e sia aperto al miglioramento continuo.


 

InsideOut ha sviluppato Enjoy, il percorso formativo studiato per allenare le persone a:

  • vivere con successo il cambiamento
  • raggiungere i propri obiettivi
  • gestire le pressioni quotidiane
  • essere aperti alle sfide professionali senza pregiudizi e barriere

Se desideri provare il metodo innovativo che consente ai partecipanti di vivere in prima persona l’esperienza di apprendimento e mantenere e sviluppare nel tempo le competenze acquisite, prenota una demo gratuita!

New Call-to-action

Argomenti: change management, paura del cambiamento, management

New Call-to-action

InsideOut Training Blog

è una fonte preziosa di risorse e consigli per aiutare le aziende a:

  • sviluppare l’efficacia individuale & organizzativa
  • liberare il potenziale delle persone
  • migliorare i risultati professionali
  • trasformarsi in ambienti di lavoro eccellenti

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere gli aggiornamenti

Articoli recenti