La cultura aziendale positiva aiuta la produttività: ecco le prove

Pubblicato da: Domenico Malara aggiornato il 15 dicembre 2020
Domenico Malara
Mi trovi su:

cultura aziendale

La convinzione che le persone in azienda, per ottenere risultati, debbano essere sottoposte a una continua pressione e vivere con stress ogni attività appartiene al passato.

Nelle righe seguenti, vedremo quali sono i rischi di una cultura aziendale basata sulla spinta continua alle performance, con alcuni suggerimenti di Psicologia Positiva per migliorare davvero la produttività dell’organizzazione.

Cosa intendiamo con cultura aziendale positiva?

Sono sempre più le imprese che, forti di ricerche e studi a proposito dell’impatto della psicologia positiva sulla cultura aziendale come leva per il successo, cercano strumenti per diffondere il benessere e incrementare così la produttività.

Ecco allora che sono state introdotte soluzioni come lo smart working o le palestre aziendali, ma da sole, pur mosse dalle migliori intenzioni, queste non bastano. Lo dimostra un recente sondaggio condotto da Gallup Research nel quale è emerso che anche mettendo a disposizione benefit e opportunità di lavoro agile, ci sono il coinvolgimento e la conseguente motivazione alla base del benessere organizzativo.

New Call-to-action

Ed è la cultura aziendale che fa davvero la differenza per la sua capacità di instillare nelle persone il piacere di lavorare molto più di quanto possano fare i benefit materiali.

La creazione di una cultura d’impresa positiva è determinata da 6 caratteristiche principali:

  • L’interesse, l’attenzione, il rispetto, l’integrità professionale e la responsabilità nei confronti di collaboratori, colleghi e responsabili
  • Il supporto reciproco soprattutto nei momenti di particolare difficoltà
  • Il perdono in caso di errori, senza bisogno di cercare sempre un colpevole
  • L’ispirazione e la motivazione che nascono dall'esempio degli altri
  • La soddisfazione rispetto al proprio operato e il significato dato al ruolo
  • La fiducia e la capacità di ringraziare

 

Scopri nella guida GRATUITA la chiave per la felicità in azienda!  

 

Cosa possono fare i manager per contribuire

 alla creazione di una cultura di questo tipo?

 

Abbiamo individuato 4 consigli pratici, eccoli di seguito.

1. Migliorare le relazioni sociali

Numerose ricerche hanno dimostrato la correlazione fra la creazione di relazioni sociali positive e il rendimento dei collaboratori, non solo con un aumento della produttività, ma anche con una maggiore qualità dei risultati. Altri vantaggi? La diminuzione delle giornate di assenza per malattia, una convalescenza post-operatoria ridotta del 50%, riduzione dei casi di ansia e depressione, capacità di apprendimento in minor tempo e maggiore memoria. Uno studio condotto dalla Dottoressa Sarah Pressman presso l’Università della California, inoltre, ha evidenziato come le probabilità di morte prematura aumentino

  • del 20% tra i soggetti che soffrono di obesità
  • del 30% per gli alcolisti
  • del 50% per i fumatori
  • del 70% per le persone dalle scarse relazioni sociali

In azienda, creare un ambiente sano e privo di stress nel quale coltivare rapporti positivi con i colleghi contribuisce al miglioramento generale delle condizioni di salute.

2. Mostrarsi empatici

I manager e i team leader hanno una grande responsabilità quando si tratta di fare stare bene i propri collaboratori. In uno studio pubblicato da Science Direct è stato dimostrato come nel cervello dei collaboratori che ricordano episodi nei quali i capi sono stati sgarbati o poco empatici si riscontri l’attivazione delle aree associate alle emozioni negative, mentre il ricordo legato a un boss gentile ed empatico genera l’effetto contrario.

3. Supportare i collaboratori

E farlo, non solo perché viene chiesto aiuto, ma anche quando questo esula dalle attività del manager. Secondo una ricerca condotta dalla Stern School of Business presso la New York University, quando i leader si dimostrano, oltre che giusti e leali, anche disposti a sacrificarsi per il proprio team, i suoi componenti sono più ispirati, motivati e fedeli all'azienda. A loro volta aiuteranno i colleghi, rafforzando le relazioni e creando un clima collaborativo e positivo, con un impatto anche sulla produttività, grazie al carisma e all'efficacia del leader.

4. Incoraggiare il dialogo

Incoraggiare i collaboratori a condividere i loro pensieri e i loro problemi è una delle caratteristiche che genera l’empatia indispensabile a migliorare la capacità di leadership. La fiducia nelle intenzioni e nel sincero interesse del manager contribuisce a incrementare la produttività del team, i cui componenti si sentono sicuri, anziché preoccupati. Lo dimostra una ricerca dell’Università di Harvard proprio sulla cultura della sicurezza, secondo la quale i leader inclusivi e umili che favoriscono il dialogo tra e con i membri dei team generano una maggiore capacità di apprendimento e ottime performance.

Ma tutto questo non riguarda solo il settore terziario: gli studiosi della Sheffield University, infatti, parlano dell'empowerment organizzativo come elemento essenziale, insieme a un progetto formativo e al lavoro di squadra, per migliorare la qualità della produzione. Anziché creare un ambiente in cui i collaboratori hanno paura di subire le conseguenze del proprio operato, diffondere fiducia e sicurezza all'interno dell’organizzazione stimola lo la voglia di sperimentare innovazioni, una competenza decisamente fondamentale nell'era dell’Industria 4.0.

cultura aziendale positiva

L’efficienza organizzativa, in conclusione, è un risultato raggiungibile quando i manager comprendono l’importanza della cultura positiva, sono generosi e non hanno timore di incoraggiare anche lo sviluppo dei leader del domani.

Non sono solo l’impegno, la motivazione e il coinvolgimento dei collaboratori a trarre vantaggio da questo clima aziendale, con un miglioramento della retention dei clienti che si sentono più coccolati, ma anche la loro salute, con una riduzione dei casi di attacchi cardiaci, di ipertensione e un generale rafforzamento del sistema immunitario. Se i manager e i responsabili di team riescono a promuovere la cultura aziendale positiva, dando loro in primis l’esempio concreto, i collaboratori diventano più consapevoli, responsabili e soddisfatti del proprio ruolo.

 


 

Oltre a fungere da antistress, dunque, la felicità incentiva il raggiungimento degli obiettivi, incrementando le performance.

Enjoy è il prodotto di InsideOut specifico per imparare a:

  • liberare il potenziale personale e professionale
  • sfruttare le proprie attitudini e talenti per raggiungere gli obiettivi professionali
  • gestire le pressioni quotidiane e aumentare il benessere personale
  • affrontare con fiducia i cambiamenti personali e professionali
  • lavorare con piena soddisfazione e felicità

Se desideri conoscere il metodo innovativo che consente ai partecipanti di vivere in prima persona l’esperienza di apprendimento e mantenere e sviluppare nel tempo le competenze acquisite nei corsi aziendali, prenota una demo personalizzata e gratuita.

New Call-to-action

Argomenti: felicità in azienda, benessere organizzativo, prevenire lo stress, cultura aziendale