InsideOut Training Blog

Nuove competenze manageriali: la positive leadership e non solo

Pubblicato da: Salvatore Errante il 10.10.2019
Salvatore Errante
Mi trovi su:

competenze managerialiIn contesti complessi e in situazioni di cambiamento organizzativo, oltre alla fermezza e alla lucidità necessarie per prendere delle decisioni efficaci, ai leader aziendali è richiesta anche la capacità di comunicare ai collaboratori un senso di tranquillità e benessere.

È quella che viene definita positive leadership: ne parliamo nell'articolo di oggi, insieme alle competenze manageriali più richieste nel mercato attuale.

Quali sono le competenze manageriali più importanti oggi?

Per rispondere a questa domanda, traiamo spunto da un articolo di Repubblica dove si spiega come, nel mercato attuale caratterizzato dai cambiamenti continui, per prima cosa debbano essere aggiornate le culture aziendali. Dopodiché possono essere selezionati e formati i leader, affinché siano in grado di affrontare queste sfide complesse, motivando sé stessi e i collaboratori.

All'interno dell’articolo citato, inoltre, sono riportati i risultati dell’Osservatorio Manageriale eseguito da Manager Italia a proposito delle competenze maggiormente ricercate.

Eccole di seguito:

  • Capacità di ragionare fuori dagli schemi
  • Competenze digitali
  • Visione strategica
  • Capacità di affrontare e gestire i rischi
  • Capacità di migliorare e innovare prodotti e servizi
  • Capacità di prevenire e gestire i conflitti
  • Capacità di resilienza
  • Capacità di leadership
  • Capacità di motivare, gestire e far crescere le persone
  • Capacità di costruire relazioni collaborative
  • Capacità di eseguire la visione strategica

 

New Call-to-action

 

A proposito della capacità di leadership, è fondamentale comprendere come nel panorama aziendale odierno sia necessario un cambio di paradigma, il passaggio dalla mera comunicazione di comandi a un atteggiamento positivo, capace di stimolare la curiosità e la crescita dei propri collaboratori.

La leadership positiva incide su diversi aspetti gestionali del manager: la maggiore capacità di ispirare i membri del team con il proprio comportamento, ma anche le relazioni più efficaci con i clienti e i diversi stakeholder dell’azienda. Numerose ricerche dimostrano il collegamento tra positive leadership e produttività, soddisfazione e retention dei clienti e dei collaboratori.

Le best practice in questa direzione non si limitano semplicemente all'essere positivi, ma richiedono un cambiamento significativo a livello di cultura aziendale.

Anziché concentrarsi sulle mancanze, dunque, è più efficace puntare sui valori unici dell’azienda; piuttosto che guardare a obiettivi irrealizzabili, meglio utilizzare il modello S.M.A.R.T. (Specifici, Misurabili, Attinenti, Realizzabili e basati sul Tempo) e definirne di concreti e raggiungibili; anziché parlare solo di problemi, perché non discutere di esempi positivi e casi di successo?

team of successful business people having a meeting in executive sunlit office-2Non si tratta di ottimismo fine a sé stesso, quanto piuttosto di un’enfasi sulle opportunità positive e sulla condivisione trasparente di idee e proposte innovative. Più che pensare a cosa vada fatto e come farlo, il leader positivo prova anche a condividere il perché, ispirando il gruppo di lavoro con il suo esempio.

Tra le buone pratiche della leadership positiva, infatti, troviamo la disponibilità del manager a riconoscere le performance dei suoi collaboratori, anche pubblicamente, incentivarli a fare sempre meglio e migliorare la loro soddisfazione rispetto al lavoro svolto.

La gentilezza e l’empatia sono altri elementi determinanti, per la loro correlazione con la motivazione e la produttività.

In quest’ottica, il ruolo del leader va oltre la definizione degli obiettivi, degli strumenti per valutare le proprie risorse e degli schemi di incentivazione, perché comprende lo studio dei metodi e dell’approccio che le aiuti a crescere, professionalmente e non solo. Il successo e lo sviluppo della carriera dei collaboratori passano anche attraverso la volontà del manager di rimuovere alcuni ostacoli, creando un clima disteso e fondato sulla fiducia reciproca.

La fiducia è il pilastro di questo stile di leadership: soprattutto nei contesti aziendali che si dichiarano aperti al cambiamento, le persone devono potere sentirsi libere di esprimere opinioni, proporre idee e persino di sbagliare, senza timore di essere giudicati o provare sensi di colpa.

 


 

Concludendo, il leader efficace è colui che con il suo esempio ispira i colleghi ad apprendere, fare e immaginare di più. Tra le competenze manageriali, la leadership positiva è priva di autorità, ma non di autorevolezza, anzi richiede una personalità forte. Tuttavia, se si centra l’obiettivo di creare un ambiente sereno e virtuoso, non ne giovano solamente i collaboratori, bensì l’intera organizzazione.

InsideOut ha studiato e realizzato Grow, il prodotto formativo di nuova concezione per sviluppare l'efficacia manageriale e aiutarti a:

  • essere riconosciuto come manager, leader e coach
  • imparare a valutare i collaboratori in modo realistico e obiettivo
  • aumentare la consapevolezza delle aree di miglioramento del collaboratore
  • creare un ambiente sicuro e rispettoso per dare e ricevere feedback di qualità
  • riconoscere e gestire i momenti di demotivazione e bassa performance

Se vuoi saperne di più, clicca qui sotto e prenota una demo personalizzata e gratuita!

New Call-to-action

Argomenti: leadership, management, empowerment organizzativo