Come riconoscere i pericoli del multitasking per mente & fisico

Pubblicato da: Domenico Malara il 19.03.2020
Domenico Malara
Mi trovi su:

multitaskingNella maggior parte delle job description che si leggono negli annunci di lavoro, si trova richiesta la capacità di gestire più attività contemporaneamente, anche in situazioni di stress. E infatti, il multitasking ricorre tra le competenze dei curriculum di quasi tutti i candidati. Tuttavia, quella che viene scambiata per efficienza non lo è davvero, anzi, chi sostiene di sapere lavorare a diversi compiti allo stesso momento è spesso più incline alla distrazione.

Se vuoi capire perché e conoscere i reali pericoli di questa modalità di lavoro, continua a leggere questo articolo!

Perché il multitasking ci rende meno efficienti?

Il motivo è che ci rallenta: le persone che provano a gestire più task contemporaneamente sono meno produttive rispetto a coloro che eseguono un compito alla volta.

Lo dimostrano, tra gli altri, gli studi dei ricercatori dell’Università di Stanford riportati in questo articolo. Il cervello richiede molto più tempo nel passaggio da un’attività all’altra - quello che comunemente chiamiamo multitasking è infatti in realtà uno switch-tasking - di quello che servirebbe per portarne a termine una per volta.

eBook gratuito Produttività del Team

Soprattutto quando i compiti sono doversi tra loro, ad esempio leggere un’email mentre si prende parte a una riunione oppure inviare messaggi quando si è alla guida di un’auto, il cervello umano è in grado di eseguirne in modo efficiente solo uno e, spostandosi continuamente tra task diversi, ciò che si verifica è uno spreco di tempo e di energia cerebrale.

Ma non è solo il tempo la variabile da considerare, perché anche la qualità del lavoro viene concretamente ridotta, con il multitasking.

multitaskingL’esempio più evidente della diffusione di questa modalità di lavoro (ma anche di studio e di relazione con gli altri) ci viene offerto dall’utilizzo degli smartphone: possiamo leggere email, messaggi in chat, collegarci ai social network da un unico strumento e magari contemporaneamente pranzare, lavorare, conversare o camminare.

Poiché si tratta di un’abitudine consolidata, si tende a sottovalutarne la pericolosità e gli effetti, anche irreversibili. Analizziamone alcuni di seguito.

Il multitasking danneggia la materia grigia

Secondo uno studio, consultabile a questo link, nei multitasker si registra una diminuzione della materia grigia cerebrale, nello specifico nelle aree del controllo cognitivo e della regolazione di emozioni e motivazione.

Il multitasking aumenta la possibilità di distrazione

La ricerca di NeuroImage e pubblicata da ScienceDirect ci comunica che le persone che praticano lo svolgimento di più task in contemporanea, per circa sette giorni di seguito, sono più inclini a manifestare un comportamento tipico da disturbo dell’attenzione. Rispondendo a tante distrazioni, il cervello viene limitato nella sua capacità di distinguere le interruzioni importanti da quelle che non lo sono.

Il multitasking causa problemi di memoria

Sia la memoria a breve termine nell’esecuzione di un’attività, sia quella a lungo termine - e quindi la capacità di immagazzinare informazioni e recuperarle al bisogno - sono fortemente indebolite dal multitasking, come confermato da questo studio del 2016.

Il multitasking interferisce nelle relazioni

Che si tratti di relazioni professionali o private, la continua distrazione causata dalle attività contemporanee, in primis sugli smartphone, è associata a una scarsa soddisfazione o peggio a conflitti nei rapporti interpersonali.

Il multitasking incrementa i livelli di stress negativo

L’attività cronica di switch-tasking può causare stress cronico: il bombardamento di informazioni a cui è costantemente sottoposto il cervello dei multitasker porta a un incremento della risposta e genera quello che viene definito stress negativo o distress.

Il multitasking aumenta le probabilità di soffrire di ansia e depressione

La salute mentale ed emotiva è soggetta a rischi da non sottovalutare nei soggetti che praticano il multitasking, in particolare con gli strumenti digitali. In questa pubblicazione, si legge come i sintomi di depressione e ansia sociale siano più probabili nelle persone che dichiarano di gestire più attività contemporaneamente.

Il multitasking causa incidenti stradali

Abbiamo già parlato di come la soglia di attenzione alla guida sia decisamente limitata se utilizziamo il telefono, ma i rischi si estendono anche ai pedoni. In questo articolo inglese del 2014, si legge come un pedone su 7 abbia attraversato almeno una volta una strada trafficata senza nemmeno guardare, perché distratti dai propri smartphone.

Il multitasking causa infortuni

L’andatura alterata dalla gestione di anche solo due attività in contemporanea - camminare e parlare al telefono ad esempio - spesso causa cadute e infortuni anche seri, in particolare nelle donne anziane, già soggette per natura al rischio di fratture ossee. Puoi approfondire la ricerca a questo link.


 

In questo articolo, abbiamo provato a evidenziare i pericoli della modalità multitasking per la salute e per la produttività del lavoro.

InsideOut ha realizzato Focus, il prodotto formativo di nuova concezione studiato per:

  • sviluppare la capacità di definire e raggiungere gli obiettivi
  • vincere la reattività e migliorare la capacità organizzativa
  • gestire le reali cause di perdita di tempo
  • imparare a lavorare per priorità e obiettivi in contesti liquidi come lo smart working

Se sei curioso di saperne di più e vuoi conoscere il metodo innovativo che consente ai partecipanti di vivere in prima persona l’esperienza di apprendimento e mantenere e sviluppare nel tempo le competenze acquisite, clicca qui e prenota la tua demo personalizzata e gratuita!

New Call-to-action

Argomenti: produttività aziendale, multitasking, smart working, gestione del tempo