InsideOut Training Blog

Cos'è la formazione esperienziale? I consigli per l'efficacia

Pubblicato da: Domenico Malara il 17.10.2019
Domenico Malara
Mi trovi su:

formazione esperienzialePer apprendere una competenza nuova, il nostro cervello elabora le informazioni, organizzandole esattamente come un computer. È proprio dal modo in cui quei dati vengono immagazzinati che dipende la successiva capacità di recuperarli e utilizzarli in contesti diversi dal momento dell’apprendimento. Migliore è l’organizzazione delle “cartelle”, più facile sarà mettere in atto le nozioni o i comportamenti e più efficace sarà l’apprendimento.

Quando nella fase di apprendimento sono coinvolti più sensi, le probabilità di consolidarlo aumentano. Ecco perché la formazione esperienziale (detta anche multi-sensoriale) riveste un ruolo così importante. Scopri di più nell'articolo che segue.

Cosa si intende con formazione esperienziale?

La formazione esperienziale prevede un apprendimento basato sulla sperimentazione di situazioni reali, lo svolgimento di compiti e l’azione di ruoli da parte del partecipante alla sessione.

Più che seguire una lezione canonica nella quale le nozioni passano dal formatore al partecipante, quindi, quest’ultimo diventa il protagonista attivo che si mette alla prova attraverso l’esperienza.

La presenza di attività esperienziali porta spesso questo tipo di formazione a essere associata al team building. Non è un passaggio del tutto errato: perché questo tipo di eventi siano efficaci, infatti, dovrebbe essere prevista una componente esperienziale che aiuti a riportare nelle attività quotidiane gli insegnamenti e le situazioni vissute.

New Call-to-action

Sebbene le aziende scelgano di organizzare eventi di team building per rafforzare lo spirito di gruppo, migliorare la comunicazione e la collaborazione tra colleghi e dipartimenti, spesso i risultati sono deludenti, anche per il pregiudizio con cui vengono affrontati.

Il fattore determinante per il successo di un’attività formativa, così come del team building, è la fiducia con la quale i partecipanti si approcciano all'evento: se pensano si tratti di un’esperienza fine a sé stessa, per quanto forte e outdoor, difficilmente ne trarranno benefici per il proprio lavoro.

Quando la formazione esperienziale prevede un metodo condiviso tra azienda, formatore e partecipanti, l’apprendimento può avvenire in modo naturale ed efficace, indipendentemente dal contesto in cui si tiene e può quindi avere successo anche se si svolge in un’aula o in una sala riunioni.

Attraverso la sperimentazione e l’allenamento di nuove capacità, i partecipanti riescono ad apprendere e il formatore ha il ruolo di facilitare la loro consapevolezza.

Apprendimento esperienziale e multi-sensoriale

Nella formazione esperienziale, sono coinvolti i diversi sensi dei partecipanti: vista, udito e senso-motricità, composta da tatto e movimento.

Come abbiamo visto nella premessa di questo articolo, quando le persone utilizzano contemporaneamente più sensi, aumentano le probabilità di consolidare l’apprendimento e di recuperare le nuove informazioni in un contesto diverso da quello dell’aula. Un esempio? Quando prendiamo appunti, combiniamo l’udito al movimento di scrittura e l’apprendimento risulta più efficace.

formazione esperienziale

Il momento di maggiore apprendimento per le persone è l’infanzia: per questo motivo, imparare facendo un’esperienza, mettendo in pratica una nuova competenza, giocando persino, risulta efficace anche in età adulta.

Con l’allenamento e l’automatizzazione del nuovo comportamento, i percorsi mentali attivati dal cervello per immagazzinare le informazioni aumentano, facilitando il ricordo di quanto appreso nel corso dell’evento formativo.

La capacità del formatore e facilitatore si deve alla sua bravura nella progettazione di attività in equilibrio perfetto tra azione e riflessione, allenando i nuovi comportamenti, da un lato, e generando consapevolezza, dall'altro.

La componente esperienziale aiuta i partecipanti ad apprendere con maggiore facilità, grazie al coinvolgimento simultaneo di diversi canali sensoriali, unendo gli aspetti fisico, emotivo e cognitivo.

Come abbiamo visto, il contesto non deve essere necessariamente outdoor, le attività possono anche non prevedere situazioni particolarmente avventurose. Tuttavia, perché questo tipo di esperienze risultino in un apprendimento, è fondamentale che il facilitatore progetti delle sfide capaci di stimolare un cambio di prospettiva. Altra componente essenziale al successo della formazione è l’alternanza tra esperienza e riflessione, necessaria all'elaborazione dei nuovi comportamenti e al loro riutilizzo in un contesto diverso.


 

Che si tratti di un evento di team building aziendale o di formazione comportamentale, quando l’attività esperienziale è ben progettata può raggiungere l’obiettivo di stimolare l’apprendimento multi-sensoriale e coinvolgere i partecipanti. A differenza dell’apprendimento frontale, in cui si ascolta in modo passivo un formatore che elenca nuove regole o nozioni, l’esperienza aiuta a mettere in pratica, assimilare e sistematizzare i comportamenti più efficaci, riuscendo nell'impresa di allenarli anche una volta tornati alle attività lavorative quotidiane.

Seguendo la guida di un partner di formazione affidabile, l’azienda potrà offrire un’esperienza memorabile ai suoi collaboratori, contribuendo a migliorare le performance sia individuali che di gruppo, aumentando la consapevolezza delle loro capacità e trovando nuove strategie per esprimere pienamente il potenziale personale e professionale.

Se vuoi conoscere il metodo innovativo di InsideOut che consente ai partecipanti di vivere in prima persona l’esperienza di apprendimento e mantenere e sviluppare nel tempo le competenze acquisite, prenota una demo personalizzata e gratuita cliccando qui!

New Call-to-action

 

Argomenti: efficacia professionale, team building, outdoor training, formazione esperienziale