InsideOut Training Blog

Come diffondere digital skill e cultura dell'innovazione in azienda

Pubblicato da: Domenico Malara il 02.05.2019
Domenico Malara
Mi trovi su:
digital skillSe facciamo un piccolo salto nel tempo, anche di solo 20 anni, e pensiamo alle mansioni più diffuse e ricercate, probabilmente non hanno alcuna attinenza con quelle di cui si sente parlare oggi.

Il motivo è semplice: le figure professionali richieste attualmente non esistevano 20 anni fa e non è quindi pensabile che il sistema scolastico sia strutturato per preparare gli studenti alle professioni future. Ma nel mercato futuro, le digital skill saranno ancora così importanti? Probabilmente no, vista le velocità con cui si stanno evolvendo le tecnologie.

Nell'articolo che segue, proveremo a identificare le competenze che permetteranno di affrontare le sfide dei prossimi anni.


Cosa sono le digital skill?

Le digital skill sono letteralmente le competenze digitali che comprendono, al loro interno, varie abilità tecnologiche, più o meno specifiche. La gamma di competenze spazia dall'uso del computer e di internet alla capacità di utilizzare i programmi per l’intelligenza artificiale.

Come abbiamo detto all'inizio di questo articolo, cambiando continuamente e in modo molto rapido le tecnologie digitali, anche le competenze necessarie a padroneggiarle e sfruttarle al meglio sono soggette a modifiche e trasformazioni.

Anche il report The Future of Jobs, pubblicato dal Word Economic Forum, spiega come le 10 professioni più richieste dal mercato del lavoro, senza alcuna distinzione per settore, non esistessero fino a 10 anni fa.

 

change management

 

Le competenze verticali e tecniche, per intenderci non quelle generiche, ma quelle più specifiche, ad esempio la conoscenza dei linguaggi di programmazione, non possono essere considerate a prova di cambiamento. Per questa ragione, più che parlare di diffusione delle digital skill, ci dovremmo concentrare sullo sviluppo delle competenze che permetteranno di affrontare nuove trasformazioni tecnologiche, in futuro, adattando il nostro modo di vivere e lavorare.

 

Perché le digital skill non sono

importanti quanto le soft skill?

 

Se per competenza digitale intendiamo, ad esempio, l’utilizzo di un software CRM per il dipartimento commerciale o di un gestionale per l’ufficio di Amministrazione del Personale, è facilmente intuibile come  la loro “data di scadenza” non possa superare i 5, 10 anni al massimo. I sistemi cambiano, vengono aggiornati e in alcuni casi sostituiti da strumenti diversi: per questa ragione, molte aziende vivono con difficoltà la sfida dell’innovazione digitale.

La digital transformation, però, non è solo l’introduzione di nuove piattaforme e la capacità di utilizzarle non è duratura.

 

Quali sono le soft skill che

supportano le trasformazioni?

 

Più che di competenze specifiche, si tratta di una mentalità e di una cultura, da diffondere a livello aziendale, necessarie per affrontare il cambiamento senza timori e resistenze, con la volontà di coglierne tutte le opportunità.

In quest’ottica, grazie a una serie di nuove abitudini efficaci, le persone possono comprendere a fondo la logica alla base delle innovazioni tecnologiche.

Group of business people using electronic devices at work

La cultura aziendale può fare la differenza nel successo della trasformazione tecnologica e non solo, perché racchiude i valori e i comportamenti esemplari, le best practice per lavorare al massimo del proprio potenziale.

Una cultura efficace fornisce le linee guida che servono a ogni persona a fare delle scelte ragionate e consapevoli, orientandole al raggiungimento degli obiettivi e alla realizzazione della strategia.

Se il traguardo consiste nella trasformazione digitale, è essenziale che si diffonda una cultura digitale, come passaggio preliminare. Ignorando l’aspetto culturale, il rischio di vedere qualunque progetto fallire è piuttosto elevato: Boston Consulting Group ha analizzato 40 progetti di digital transformation, evidenziando come le maggiori performance finanziarie siano raggiunte dalle aziende che hanno posto il loro focus sulla cultura.

 


 

Diffondere una cultura aziendale fondata sulla flessibilità, così necessaria in quest’epoca caratterizzata da continue trasformazioni, è cruciale. Per farlo, ci si può avvalere del supporto di una società di formazione specializzata nello sviluppo delle competenze soft, quelle che abbiamo descritto nell’articolo.

Enjoy! è il prodotto formativo di InsideOut specificamente pensato per aiutare i collaboratori a

  • liberare il proprio potenziale per raggiungere gli obiettivi professionali
  • gestire le pressioni quotidiane e aumentare il benessere organizzativo
  • essere aperti alle sfide professionali con entusiasmo e passione
  • aumentare responsabilità e spirito di iniziativa

Se desideri saperne di più, ti offriamo una demo GRATUITA per provare il metodo innovativo che consente ai partecipanti di vivere in prima persona l’esperienza di apprendimento e mantenere e sviluppare nel tempo le competenze acquisite. Clicca qui!

New Call-to-action

 

Argomenti: change management, paura del cambiamento, cultura aziendale