Multitasking o single-tasking? Come aumentare la produttività

Pubblicato da: Salvatore Errante aggiornato il 26 maggio 2022
Salvatore Errante
Mi trovi su:

aumentare la produttivitàPer molte persone la parola multitasking richiama subito alla mente una strategia efficace per aumentare la produttività. In effetti, la capacità di svolgere più attività contemporaneamente potrebbe fare pensare a una conseguente moltiplicazione dei risultati.

Invece, diversi studi hanno dimostrato come - nella maggior parte dei casi - il multitasking abbia un impatto negativo sull’efficienza e sulle performance. Continua la lettura per saperne di più e conoscere l’alternativa più efficace: il single-tasking.

Gli effetti del multitasking sul nostro cervello

Mantenere la concentrazione su più di una attività in contemporanea significa in realtà spostare di continuo il focus da un compito all’altro. È questa la vera definizione del multitasking che rischia dunque di renderci molto meno efficienti e produttivi di quanto immaginiamo.

Il motivo?

Al nostro cervello serve tempo, sia per spostare l’attenzione, sia per concentrarsi al massimo: ogni volta che ci muoviamo da un task all’altro consumiamo energia, oltre a perdere secondi preziosi.

Soprattutto quando dobbiamo portare a termine un compito impegnativo, se lo affrontiamo insieme ad altri compiti, rischiamo di impiegare molto più tempo rispetto a quanto ci richiederebbe la modalità single-tasking.

 

New Call-to-action

 

 

Ci sono casi in cui il multitasking permette di aumentare la produttività?

 

Esistono dei contesti in cui il multitasking non è pericoloso: ad esempio quando svolgiamo un’attività in modalità “pilota automatico” senza che il nostro cervello richieda uno sforzo in termini di concentrazione. È il caso della capacità di parlare mentre camminiamo o di guidare l’automobile mentre ascoltiamo la musica.

Poiché l’attività di camminare e quella di ascoltarla musica vengono gestite in background, come un sottofondo, guidate dall’istinto, qui non si verifica un vero e proprio spostamento del focus.

Tuttavia, non possiamo affermare con certezza che esistano delle situazioni in cui il multitasking rappresenti davvero una leva per aumentare la produttività. Anzi, per la maggior parte delle attività lavorative, questo continuo spostamento dell’attenzione è nemico della concentrazione.

Le alternative efficaci per essere più produttivi

Quando ci accorgiamo di non lavorare al massimo della produttività, proprio perché adottiamo una modalità multitasking – o, per meglio dire, switch-tasking – con spostamenti frequenti dell’attenzione da un’attività ad altre, abbiamo alcune alternative a nostra disposizione.

Provando a cambiare abitudini in modo graduale, il processo sarà più naturale; inoltre, se ci rendiamo conto della maggiore efficacia dei nuovi comportamenti rispetto al multitasking, gli effetti benefici saranno anche più duraturi.

aumentare la produttivitàIl single-tasking (o mono-tasking) prevede innanzitutto la definizione di un’attività importante o urgente che dovrà avere la priorità rispetto alle altre sulla nostra to-do list.

Per un approfondimento sulla distinzione tra attività importanti e urgenti puoi leggere questo articolo dedicato al tema.

Per non cadere nelle trappole del multitasking, quando le attività da portare a termine entro la fine della giornata sono talmente tante da creare una sorta di blocco, può essere utile suddividerle in micro-task nei quali concentrare tutte le energie fino al momento di concedersi una pausa. Questa best practice si basa sui principi della Tecnica del Pomodoro che puoi trovare spiegata nel dettaglio a questo link.

Raggruppando tra loro attività simili o legate allo stesso argomento, non avremo nemmeno bisogno di riattivare la concentrazione e potremo chiudere con successo molti più compiti in minor tempo, aumentando anche la nostra soddisfazione e motivazione.

Alcune attività possono essere delegate ai collaboratori, dando vita a un processo di empowerment grazie alla fiducia dimostrata nei loro confronti e, allo stesso tempo, liberando la nostra to-do list.

 


 

Nell’articolo di oggi abbiamo visto come, oltre ad aumentare la produttività, una gestione più efficace del tempo e una definizione più precisa delle priorità ci consentano di lavorare con maggiore serenità: snellire l’elenco delle attività permette di concentrarsi su quelle più strategiche, subendo minori pressioni e riducendo i livelli di stress.

InsideOut ha realizzato Focus, il prodotto formativo di nuova concezione studiato per:

  • sviluppare la capacità di definire e raggiungere gli obiettivi
  • vincere la reattività e migliorare la capacità organizzativa
  • gestire le reali cause di perdita di tempo
  • imparare a lavorare per priorità e obiettivi in contesti liquidi come lo smart working

Se sei curioso di saperne di più e vuoi conoscere il metodo innovativo che consente ai partecipanti di vivere in prima persona l’esperienza di apprendimento e mantenere e sviluppare nel tempo le competenze acquisite, prenota la tua demo personalizzata e gratuita!

New Call-to-action

Argomenti: efficacia professionale, produttività aziendale